Libroaperto

Cimitero d’ Egitto

I RESTAURATORI EGIZIANI CHIEDONO AIUTO PER I LIBRI BRUCIATI

 Gli scontri tra la polizia e i manifestanti al Cairo, nello scorso dicembre, hanno causato un incendio nell’edificio che ospita l’ Istituto d’Egitto, il centro di ricerca che era stato fondato alla fine del XVIII secolo da Napoleone Bonaparte. Nell’Istituto erano conservati oltre 190mila manoscritti, libri stampati, giornali, mappe e documenti particolarmente preziosi e antichi. Tra questi c’era anche una copia della Description de l’Égypte, una delle compilazioni più esaustive sui monumenti e la civiltà egiziana, realizzata per volere di Napoleone da oltre 150 studiosi francesi. L’opera  è stata quasi completamente distrutta, come buona parte dei volumi conservati dall’Istituto.

Decine di volontari – esperti accademici, studenti e semplici cittadini –  hanno lavorato per cercare di recuperare i libri bruciati e ulteriormente danneggiati dall’intervento dei vigili del fuoco, che hanno messo fine a 12 ore di incendio usando centinaia di litri d’acqua. Finora circa 50mila manoscritti sono stati trasportati dall’Istituto al dipartimento Archivi e biblioteche del Cairo, gestito da Zein Abdel-Hady.  L’entità del danno è di decine di milioni di dollari.

 La tv di Stato ha mandato in onda le immagini di uomini in borghese che appiccavano il fuoco al palazzo ed esultavano attorno alle fiamme, mentre i manifestanti sfruttavano la confusione causata dal fuoco per lanciare bombe incendiarie e sassi ai soldati che si trovavano in cima agli edifici vicini.
il governo è stato duramente criticato per non aver saputo – e voluto – proteggere l’edificio dell’Istituto, e per aver ordinato ai soldati di posizionarsi sul tetto per controllare e colpire i manifestanti, esponendolo così a possibili danni.

http://tropicodellibro.it/notizie/libri-bruciati/

18 February 2012 | Commenti: 0

Ancora nessun commento

Non ci sono ancora dei commenti

Scrivi qui il tuo commento

Indietro

Laboratorio Di Restauro

482487_10151341699518801_2122169218_n

Si eseguono interventi di restauro su LIBRI ANTICHI e MODERNI, PERGAMENE, STAMPE, MANIFESTI PUBBLICITARI e CINEMATOGRAFICI, FUMETTI, CARTE GEOGRAFICHE, PAPIER PEINTS, OGGETTI DI CARTA (SCATOLE, PARAVENTI, VENTAGLI, etc.)

Il laboratorio si è specializzato nel restauro di LIBRI DEL NOVECENTO, (prime edizioni, libri rari ed esauriti) con particolare cura nel recupero e mantenimento della veste editoriale originale.
(Quante meravigliose edizioni in brossura andate perse perché sostituite da “prestigiose” legature…)

I materiali e le procedure utilizzate si attengono al capitolato tecnico dell’ ICPAL (Ist. Centr. per il Restauro e la Conservazione del Patrimonio Archivistico e Librario) secondo una logica puramente conservativa.

Valentina Ferri

 

Foto di Carlo Rotondo


Non c’è Vascello che eguagli un Libro
Per portarci in Terre lontane
Né Corsieri che eguaglino una Pagina
Di scalpitante Poesia –
E’ un Viaggio che anche il più povero può fare
Senza paura di Pedaggio –
Tanto frugale è il Carro
Che porta l’Anima dell’Uomo –
(Emily Dickinson)

Un libro è un insieme di fogli stampati o manoscritti delle stesse dimensioni cuciti insieme in un certo ordine e racchiusi da una copertina. Il libro è ancora oggi lo “strumento principe del sapere”.  [Wikipedia]

La mia passione per i libri mi porta, dopo una decennale esperienza di libreria, ad interessarmi di restauro del libro.
Nel 2003 mi certifico addetta alla conservazione di manufatti cartacei.
Collaboro diversi anni con laboratori di restauro libri, stampe e restauro cartaceo in genere.
Nel 2009 apro il mio laboratorio: Libroaperto.
La mia è una ditta individuale, aperta a collaborazioni e scambi con altri professionisti del settore.

VAI AL BLOG DI LIBROAPERTO

Visto da vicino

(Clicca sulle immagini per ingrandirle)

MAPPA CATASTALE DI ORIATE – 1822